sabato 18 Maggio 2024
AGENZIA DI STAMPA LATINOAMERICANA
Search
Close this search box.

Congresso statunitense è tenuto in ostaggio da piromani politici

Camara-de-Representantes-del-Congreso-de-Estados-Unidos
La storica rimozione di Kevin McCarthy dalla carica di leader repubblicano della Camera dei Rappresentanti dimostra fino a che punto il Congresso degli Stati Uniti sia ostaggio di un piccolo gruppo di piromani politici.

Solo otto dei 222 membri repubblicani della Camera sono riusciti ad imporre il loro programma di espulsione il 3 ottobre, contro il collega californiano ed in questo sforzo hanno aggiunto il voto del caucus democratico che non era disposto a salvare McCarthy.
Da allora, l’organo legislativo, composto da 435 membri -222 repubblicani e 213 democratici- è rimasto senza presidente per più di tre settimane.
Durante questo periodo, tutto il lavoro alla Camera è stato paralizzato, dai progetti rinviati alle trattative che consentiranno di approvare il bilancio per l’anno fiscale 2024, iniziati il 1° ottobre.
La condanna a morte è stata firmata dallo stesso McCarthy con la sua collaborazione dell’ultimo minuto con i democratici per finanziare il governo federale oltre il 30 settembre, quando i fondi sarebbero stati esauriti e ne sarebbe derivata la dannosa chiusura o shutdown.
La continua risoluzione, raggiunta prima della scadenza del termine, ha dato al Congresso ossigeno per circa 45 giorni per portare avanti i negoziati. “Non mi pento di aver negoziato”, ha detto McCarthy la notte di martedì 3 ottobre.
Ma uno dei suoi assassini politici, il deputato Matt Gaetz, un repubblicano di estrema destra della Florida, aveva previsto l’espulsione se avesse collaborato con i democratici nell’estensione di tali finanziamenti.
Giorni prima di essere rimosso, Gaetz ha ricordato che McCarthy “ha raggiunto un accordo con i conservatori della Camera a gennaio, e da allora lo ha palesemente, ripetutamente e materialmente violato”.
McCarthy si è insediato a gennaio dopo 15 votazioni, in mezzo alla divisione delle file repubblicane, alla cui ala estremista ha dovuto fare troppe concessioni, le stesse che poi lo hanno spogliato dell’incarico in modo scandaloso e perfino umiliante, come è stata la sua ascesa al potere.
L’organizzazione pro-democrazia Stand Up America ha avvertito che il voto per rimuovere McCarthy ha dimostrato “quanto i repubblicani ultra-MAGA (Make America Great Again, uno slogan reso popolare dall’ex presidente Donald Trump) siano determinati a seminare caos e disfunzione, piuttosto che governare”, a nome del popolo statunitense.
“È chiaro chi è veramente responsabile della conferenza repubblicana: Matt Gaetz e la sua banda di piromani politici”, ha detto, insistendo sul fatto che l’unico obiettivo dei repubblicani del MAGA “è quello di paralizzare il governo federale, usare il loro potere per esigere una vendetta politica ed attaccare la nostra democrazia e le libertà fondamentali.
I 217 voti per approvare il presidente hanno rappresentato un compito titanico in un gruppo politico chiaramente fratturato.
Così Mike Johnson è emerso proprio in un momento di continue richieste di porre rimedio al caos.
Il 25 ottobre, il Partito Repubblicano ha deciso di dare prova di coesione e questo politico della Louisiana ha ottenuto 220 voti (tre in più del minimo necessario) che gli hanno assicurato l’elezione a 56° presidente della Camera dei Rappresentanti del Congresso degli Stati Uniti.
Johnson è stato uno dei più ferventi e leali sostenitori di Trump al congresso nei giorni in cui la retorica del furto elettorale, nel novembre del 2020, aveva raggiunto livelli impressionanti, ma prima della sua fulminea ascesa alla presidenza era quasi sconosciuto, pur con un passato di una linea intransigente.
Alcuni analisti ritengono che la nuova dimostrazione di incompetenza ed estremismo potrebbe ostacolare il tentativo del Partito Repubblicano di mantenere i seggi indecisi di cui ha bisogno per mantenere la maggioranza alla Camera dei Rappresentanti nel 2024.

Deisy Francis Mexidor giornalista di Prensa Latina

ULTIME NOTIZIE
NOTIZIE RELAZIONATE