sabato 13 Aprile 2024
AGENZIA DI STAMPA LATINOAMERICANA
Search
Close this search box.

La distruzione della Palestina è l’obiettivo di Israele, denunciano all’ONU

L'ambasciatore palestinese presso l'ONU, Riyad Mansour, ha considerato oggi la distruzione di questo stato come la priorità delle autorità israeliane e della loro attuale aggressione.

“Per il governo israeliano la priorità non è la sicurezza, ma la distruzione della nazione palestinese”, ha detto Mansour all’Assemblea Generale.
Nessun conflitto recente ha visto così tanti bambini, civili, giornalisti, personale delle Nazioni Unite, operatori umanitari e medici uccisi a questo ritmo, ha denunciato il diplomatico.
Durante la sessione plenaria convocata dal forum per discutere la questione palestinese, il rappresentante ha insistito sul fatto che nessuna generazione di suoi connazionali è stata salvata dal flagello della guerra.
Ognuno di loro è stato testimone ed ha sopportato in prima persona gli orrori; un’intera nazione, per decenni, ha dovuto affrontare l’esproprio, lo sfollamento, la negazione dei diritti, la distruzione e la morte, ha osservato.
“Non ci sono leggi, né morale, né principi in questo mondo che possano giustificare questa realtà abominevole e disumana; è un evento che scuote la coscienza umana e richiede un’azione globale per la giustizia”, ha aggiunto Mansour.
L’ambasciatore ha chiesto di convertire l’attuale tregua negoziata tra Hamas e Israele in un cessate il fuoco permanente.
I massacri di bambini, donne e uomini palestinesi non possono continuare. La coscienza umana non può sopportarlo, ha sottolineato.
“Il diritto internazionale, ma anche le norme dell’umanità, ci chiedono di agire per fermare questa guerra contro civili innocenti e salvare vite umane, di agire per gli aiuti umanitari e l’accesso all’intera Striscia di Gaza, il ritorno immediato degli sfollati, la fine dell’assedio e che agiamo per reclamare responsabilità”, ha aggiunto.
“Nulla potrà mai giustificare i crimini di guerra, i crimini contro l’umanità e il genocidio”, ha sottolineato Mansour.
Il forum politico ospita il dibattito sulla questione della Palestina, un giorno prima della Giornata Internazionale di Solidarietà con il Popolo di questo territorio occupato.
L’Assemblea Generale deve anche affrontare la risoluzione che esprime seria preoccupazione per la stagnazione del processo di pace e dei negoziati sul Golan siriano.
Il testo insiste sul mancato rispetto da parte di Israele delle disposizioni del Consiglio di Sicurezza a questo proposito.
Il mantenimento dell’occupazione del Golan siriano e la sua annessione di fatto costituiscono un ostacolo al raggiungimento di una pace giusta e duratura nella regione, ha concluso il testo.

Elisabetta Borrego Rodríguez, giornalista di Prensa Latina

#Assemblea Generale #Striscia di Gaza #israele #ONU #palestina #crimini di guerra #genocidio #Riyad Mansour #Golan siriano

ULTIME NOTIZIE
NOTIZIE RELAZIONATE