lunedì 22 Aprile 2024
AGENZIA DI STAMPA LATINOAMERICANA
Search
Close this search box.

Haiti celebra un accordo storico al vertice sul clima, COP28

cop282-1
Port-au-Prince, 13 dic (Prensa Latina) Il Ministero dell'Ambiente di Haiti ha celebrato oggi l’accordo storico raggiunto in occasione della 28° Conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (COP28) per abbandonare i combustibili fossili responsabili del riscaldamento globale.

Il ministero ha osservato che il documento auspica accelerare l’azione nei prossimi 10 anni, al fine di raggiungere la neutralità del carbonio entro il 2050.
Mercoledì scorso, alla COP28 di Dubai, i paesi di tutto il mondo hanno approvato l’impegno ad abbandonare progressivamente i combustibili fossili, principali responsabili delle emissioni di gas ad effetto serra e del riscaldamento globale.
Durante l’apertura della sessione plenaria, i delegati di 198 paesi hanno adottato la dichiarazione preparata dagli Emirati Arabi Uniti, che comprendeva anche la decisione di triplicare le energie rinnovabili e raddoppiare l’efficienza energetica.
“Abbiamo affrontato la realtà ed abbiamo indirizzato il mondo nella giusta direzione”, ha affermato il sultano Al Jaber.
“Abbiamo fornito un solido piano d’azione per mantenere 1,5 gradi Celsius alla nostra portata”, ha sottolineato.
Il documento contribuirà a ridurre i rischi affrontati dai paesi più vulnerabili agli impatti dei cambiamenti climatici, oltre a raggiungere un equilibrio tra esigenze di sviluppo ed azione per il clima.
La delegazione haitiana era presente alla COP28 tenutasi a Dubai, dove ha incoraggiato tutti i paesi ad apportare modifiche urgenti per ridurre l’impatto sulle popolazioni più vulnerabili.
La finestra temporale per evitare il superamento della soglia di aumento della temperatura globale di 1,5 gradi Celsius si sta rapidamente chiudendo, ha ricordato il ministro dell’Ambiente, James Cadet.
Qualsiasi ulteriore ritardo durante questo decennio critico si tradurrà in scenari catastrofici per i piccoli stati insulari in via di sviluppo, come Haiti, che stanno ancora lottando per riprendersi dalle recenti inondazioni mortali che hanno devastato l’economia del paese, ha concluso.

Ig/ane

ULTIME NOTIZIE
NOTIZIE RELAZIONATE