martedì 16 Aprile 2024
AGENZIA DI STAMPA LATINOAMERICANA
Search
Close this search box.

Il cessate il fuoco a Gaza è l’unica via da seguire

israel-palestina-destruccion2-1
Nazioni Unite, 13 dic (Prensa Latina) Un cessate il fuoco a Gaza è l'unica via per garantire la pace per i palestinesi e per gli israeliani, ha affermato oggi Lynn Hastings, coordinatrice residente delle Nazioni Unite nei territori occupati.

L’intensificarsi delle ostilità ha spinto quasi la metà della popolazione della Striscia di Gaza- quasi un milione di persone – a Rafah, nel sud, aggravando la crisi sanitaria e quella alimentare, ha avvertito la rappresentante in dichiarazioni alla stampa.
La cessazione delle ostilità è nell’interesse di tutti di fronte ad un conflitto che minaccia la pace e la sicurezza sia dei palestinesi che degli israeliani per anni o addirittura decenni, ha aggiunto.
Ciò potrebbe anche portare al rilascio degli ostaggi di Hamas, ha affermato Hastings, chiedendo anche un maggiore accesso umanitario al personale medico.
A Gaza le malattie infettive si stanno diffondendo, meno di un terzo di tutti gli ospedali sono funzionano parzialmente, i rifugi hanno da tempo superato la loro capacità e la stragrande maggioranza delle persone non ha abbastanza cibo né acqua, ha avvertito la coordinatrice delle Nazioni Unite.
Secondo le stime del Programma Alimentare Mondiale, quasi la metà dei palestinesi nel nord ed un terzo nel sud stanno sperimentando diversi livelli di fame.
Israele, in quanto potenza occupante, è responsabile della protezione dei civili palestinesi nell’enclave, deve tenere conto dei loro bisogni primari e garantire il libero accesso agli aiuti umanitari, ha insistito.
Ciò significa non solo consentire ai camion degli aiuti di entrare a Gaza, ma anche consentire agli operatori umanitari di fornire assistenza a tutti coloro che ne hanno bisogno, ha affermato.
La rappresentante ha accolto con favore il recente annuncio della riapertura del valico di frontiera di Kerem Shalom, controllato da Israele, per l’ispezione dei camion degli aiuti delle Nazioni Unite, pur ricordando l’importanza del suo normale funzionamento per il traffico umanitario e commerciale.
Circa 80 camion sono stati controllati prima di essere inviati a Rafah per entrare nell’enclave, ha detto.
Prima del 7 ottobre, data dell’inizio delle ostilità, Kerem Shalom era il principale punto di accesso delle merci alla Striscia di Gaza, mentre il valico di Rafah non era strutturalmente destinato al passaggio di centinaia di camion umanitari, ha concluso.

Ig/ebr

 

ULTIME NOTIZIE
NOTIZIE RELAZIONATE