domenica 21 Aprile 2024
AGENZIA DI STAMPA LATINOAMERICANA
Search
Close this search box.

L’esercito israeliano ha attaccato anche i cimiteri di Gaza

Ramallah, 15 dic (Prensa Latina) L'esercito israeliano ha attaccato ripetutamente i cimiteri della Striscia di Gaza dall'inizio della sua offensiva contro l'enclave, il 7 ottobre, ha denunciato oggi il Monitor Euro-Mediterraneo dei Diritti Umani (Euro-Med).

In una dichiarazione, la ONG ha osservato che le forze armate di questo paese hanno bombardato i cimiteri di Al-Falujah, Ali bin Marwan, Sheikh Radwan, Al-Shuhada e Sheikh Shaaban.
Sono state distrutte anche la necropoli annessa alla chiesa di San Porfirio, situata nella città di Gaza, e quella di Al-Shuhada, nella città settentrionale di Beit Lahia, ha aggiunto.
A causa di queste incursioni, all’interno di questi cimiteri si sono create grandi buche, che hanno portato alla luce resti di cadaveri e danneggiato decine di tombe, ha sottolineato.
L’entità ha riferito che l’esercito avrebbe scavato diverse tombe nel cimitero di Al-Faluga e rubato i corpi di presunti attivisti palestinesi, nel timore che i loro organi potessero essere rubati.
Euro-Med ha sottolineato che “Israele non ha perdonato nemmeno coloro che sono stati uccisi nella sua guerra genocida contro la Striscia di Gaza”.
L’istituzione ha esortato il paese a rispettare i principi del diritto internazionale umanitario.

Ig/rob

ULTIME NOTIZIE
NOTIZIE RELAZIONATE