venerdì 12 Aprile 2024
AGENZIA DI STAMPA LATINOAMERICANA
Search
Close this search box.

Sono oltre 350mila le case distrutte o danneggiate a Gaza

Ramallah, 4 gen (Prensa Latina) Dall'inizio della sua aggressione, il 7 ottobre, l'esercito israeliano ha distrutto circa 65.000 case e danneggiato altre 290.000 nella Striscia di Gaza, ha riferito oggi un'agenzia delle Nazioni Unite.

Nel suo ultimo rapporto sulla situazione nell’enclave costiera, l’Ufficio delle Nazioni Unite per il Coordinamento degli Affari Umanitari (OCHA) ha sottolineato che più di 500.000 palestinesi non potranno tornare nelle loro case una volta terminato il conflitto.
Molti altri non potranno tornare immediatamente a causa del livello di danni subiti dalle infrastrutture circostanti, nonché il rischio rappresentato dai residuati bellici esplosivi, ha sottolineato.
L’agenzia ha messo in guardia sulla grave crisi umanitaria nel territorio, dove 2,2 milioni di abitanti “hanno bisogno di assistenza alimentare urgente ogni giorno, anche se in media l’assistenza giornaliera nell’ultima settimana di dicembre ha raggiunto solo l’8%”.
L’OCHA ha osservato che l’85% della popolazione totale della Striscia di Gaza, 1,9 milioni, è attualmente sfollata internamente, compresi molti che sono stati costretti a fuggire più volte.
Il governatorato meridionale di Rafah è ora il principale rifugio per gli sfollati, con più di un milione di persone stipate in uno spazio estremamente ridotto, ha avvertito.
L’agenzia dell’ONU ha ricordato che dall’11 ottobre Gaza è soggetta a un blackout elettrico, dopo che le autorità israeliane hanno interrotto la fornitura di energia elettrica e le riserve di carburante sono state esaurite.

Ig/rabb

#Striscia di Gaza #israele #palestina #case distrutte #genocidio #OCHA #ONU

ULTIME NOTIZIE
NOTIZIE RELAZIONATE