mercoledì 24 Aprile 2024
AGENZIA DI STAMPA LATINOAMERICANA
Search
Close this search box.

Missili colpiscono le basi statunitensi in Siria

Damasco, 12 gen (Prensa Latina) Due enclave delle forze statunitensi nel nord-est del paese arabo sono state oggi bersaglio di nuove azioni di resistenza, hanno riferito attivisti citati qui dai media.

Secondo le fonti, una raffica di missili ha colpito le strutture del giacimento di gas di Konico, dove sono dispiegati i soldati del Pentagono, nella provincia di Deir Ezzor, a circa 450 chilometri a nord-est della capitale.
Un altro bombardamento ha preso di mira la base statunitense situata a sud della municipalità di Shaddadi, nella provincia di Hasakeh.
L’autoproclamata Resistenza Islamica in Iraq rivendica la responsabilità di questi attacchi in risposta al sostegno degli Stati Uniti al genocidio commesso da Israele contro il popolo palestinese nella Striscia di Gaza. Le basi militari statunitensi in Siria e Iraq sono state attaccate 130 volte negli ultimi mesi, ha detto il portavoce del Pentagono, Patrick Ryder.
Secondo le informazioni presentate, 53 attacchi hanno avuto luogo contro installazioni militari in Iraq e 77 in Siria. Raid con droni, missili, mortai hanno ferito 66 soldati statunitensi.

Ig/fm

#bombardamento #drone #usa #siria #Resistenza Islamica in Iraq #palestina

ULTIME NOTIZIE
NOTIZIE RELAZIONATE