venerdì 17 Maggio 2024
AGENZIA DI STAMPA LATINOAMERICANA
Search
Close this search box.

Texas e la frontiera, il problema infastidisce e si allarga?

Texas sfida l’ordine della Corte Suprema degli Stati Uniti e persiste oggi non solo nel mantenere la recinzione di filo spinato, ma nel collocarne altre sezioni sul confine con Messico.

La posizione delle autorità del Texas è in conflitto con quella del governo federale, che la settimana scorsa ha ottenuto la sentenza della Corte Suprema riguardante l’abbattimento di queste barriere anti-immigrazione.
Il vicegovernatore dello stato, il repubblicano Dan Patrick, aveva dichiarato il giorno prima che, nonostante l’ordine, continueranno a erigere filo spinato ed altre recinzioni al confine.
“Stiamo mettendo filo spinato ovunque possibile. Continueremo. Non ci fermeremo. Se lo tagliano lo sostituiremo”, ha avvertito in dichiarazioni a Fox News.
Solo un piccolo tratto di confine vicino all’Eagle Pass è al centro di una situazione di stallo tra lo stato e l’amministrazione Joe Biden sull’autorità e la sicurezza delle frontiere.
Le autorità federali hanno affermato che la Guardia Nazionale del Texas ha bloccato l’accesso della polizia di frontiera federale a Shelby Park, che in precedenza era utilizzato da quella forza per processare gli immigrati e per la rampa delle barche sul Rio Grande.
La Corte Suprema ha stabilito che il governo federale può rimuovere le barriere del Texas nell’area, garantendo alle autorità federali l’accesso a tutte le parti del confine.
Ma Patrick ha minacciato uno “scontro” con le autorità statali se l’amministrazione Biden avesse inviato la polizia di frontiera per rimuovere gli ostacoli.
“Ero lì venerdì con le nostre truppe per ringraziarle, per sostenerle ed anche per appoggiarle nel caso in cui l’amministrazione Biden avesse inviato lì la pattuglia di frontiera”, ha detto.
“Saggiamente, non l’hanno fatto. Siamo grati che non l’abbiano fatto. Non vogliamo uno scontro, ma vogliamo che questo confine sia sicuro”, ha sottolineato.
Il governatore repubblicano Greg Abbott ha affermato mercoledì scorso che lo stato ha il diritto di combattere quella che ha definito “un’invasione” e che l’autorità statale “sostituisce” l’autorità federale.
Alcuni democratici hanno chiesto a Biden di nazionalizzare la Guardia Nazionale del Texas e costringerla ad abbattere le barriere statali ed imporre l’accesso federale al confine con Messico.
Almeno 25 governatori repubblicani hanno sostenuto Abbott e criticato la sentenza della corte.
“Siamo solidali con il nostro amato governatore, Greg Abbott, e con lo stato del Texas nell’uso di ogni strumento e strategia, comprese le recinzioni di filo spinato, per proteggere il confine”, ha affermato in una nota l’Associazione dei Governatori Repubblicani.
Nel frattempo, Biden insiste sull’accordo in preparazione a Washington che potrebbe rappresentare un cambiamento drastico nella politica di immigrazione, durante un anno elettorale, che prevede che la frontiera sarà una questione scottante per la campagna.
Giorni fa, il presidente ha ammesso che le politiche proposte sarebbero “l’insieme di riforme più dure” ed allo stesso tempo le ha definite “giuste” in termini di “sicurezza del confine” e che “non abbiamo mai avuto nel nostro paese. ”
Ma l’ex presidente Donald Trump, con rinnovato slancio e consolidamento della sua influenza nel partito repubblicano, è parte del problema, perché si oppone a qualsiasi patto, anche nella sua retorica sempre più incendiaria, arrivando a sostenere che “il nostro confine è “diventato un’arma di distruzione di massa”.
Come argomento controverso della campagna elettorale, l’ex governatore ha criticato il suo successore per la sua gestione dell’attuale crisi al confine. Solo tre anni fa (durante il suo mandato alla Casa Bianca), secondo lui, avevano “il confine più forte e sicuro nella storia degli Stati Uniti”.
Ora “abbiamo una catastrofe che sta per succedere”, ha detto Trump, riferendosi a che “questo è il confine peggiore della storia”.

Deisy Francis Mexidor, corrispondente negli USA di Prensa Latina

#crisi migratoria #Donald Trump #usa #Joe Biden #Texas #Greg Abbott #frontiera

ULTIME NOTIZIE
NOTIZIE RELAZIONATE