sabato 13 Aprile 2024
AGENZIA DI STAMPA LATINOAMERICANA
Search
Close this search box.

OIM: il 2023 è stato l’anno più nefasto per i migranti nel mondo

Nazioni Unite, 7 mar (Prensa Latina) Il 2023 è stato l'anno più mortale per i migranti, con quasi 8.600 morti, ha affermato oggi l'Organizzazione Internazionale per le Migrazioni (OIM), avvertendo che la cifra potrebbe essere più elevata.

L’agenzia delle Nazioni Unite ha chiesto di espandere le rotte sicure e regolari per gli sfollati ed ha osservato che questo tasso rappresenta un aumento del 20% rispetto al 2022.
Questi dati ci ricordano anche che dobbiamo impegnarci nuovamente in un’azione maggiore che possa garantire una migrazione sicura in modo che tra 10 anni gli sfollati non debbano rischiare la propria vita alla ricerca di una migliore, ha affermato il vicedirettore generale dell’OIM, Ugochi Daniels.
Per quanto riguarda il decimo anniversario del Progetto Migranti Scomparsi, il rappresentante ha lamentato le vite perse come una terribile tragedia umana che si riflette da anni nelle famiglie e nelle comunità.
Con 8.565 migranti, il bilancio delle vittime per il 2023 supera il record del 2016, quando morirono o scomparvero 8.084 persone.
Secondo l’OIM, i dati risultati selezionati indicano che più della metà delle vittime sono state causate da annegamento, il 9% da incidenti stradali e il 7% da violenza.
Poiché le rotte migratorie sicure e regolari rimangono limitate, centinaia di migliaia di persone tentano di migrare ogni anno attraverso rotte irregolari in condizioni non sicure, ha concluso l’Organizzazione.

Ig/ebr

 

ULTIME NOTIZIE
NOTIZIE RELAZIONATE