martedì 16 Aprile 2024
AGENZIA DI STAMPA LATINOAMERICANA
Search
Close this search box.

Bozza degli Stati Uniti sul cessate il fuoco incondizionato a Gaza è stata bocciata dal Consiglio di Sicurezza

Nazioni Unite, 22 mar (Prensa Latina) La bozza presentata dagli Stati Uniti su Gaza è stata respinta oggi dal Consiglio di Sicurezza a causa del veto di Russia e Cina, riconoscendo che non conteneva una chiara richiesta di un cessate il fuoco incondizionato.

Il progetto, annunciato settimane fa, ha incontrato forti critiche, oltre che da parte dei paesi arabi, rappresentati nel consiglio dall’Algeria, per la mancanza di un vero messaggio di pace e di preoccupazioni fondamentali.
L’ambasciatore permanente della Russia presso l’ONU, Vassily Nebenzia, ha assicurato che il testo non chiede esplicitamente un cessate il fuoco, ma cerca piuttosto di “vendere un prodotto” al Consiglio, usando la parola imperativo.
Nebenzia ha denunciato la delegazione statunitense per aver tentato deliberatamente di ingannare la comunità internazionale con una bozza che semplicemente gioca a favore degli elettori statunitensi, utilizzando un falso appello al cessate il fuoco.
Sulla stessa linea, l’ambasciatore palestinese presso l’organizzazione, Riyad Mansour, ha considerato ovvio il rifiuto della bozza, che ha definito unilaterale.
Il rappresentante ha messo in guardia sulla mancanza di accuse contro Israele per i suoi crimini e sulla possibilità espressa nel testo di una futura operazione militare nel governatorato meridionale di Rafah.
“Siamo contrari al trasferimento forzato dentro e fuori Gaza e respingiamo totalmente qualsiasi tentativo di assaltare e attaccare l’area di Rafah, compresa la città di Rafah”, ha aggiunto il diplomatico in una conferenza stampa.
Mansour ha assicurato che sosterrà un altro progetto di risoluzione che dovrebbe essere votato presto.
Si tratta dell’azione più urgente per il Consiglio, ha aggiunto l’ambasciatore cinese Zhang Jun, ricordando che la richiesta è già stata approvata dall’Assemblea generale dell’ONU.
Il rappresentante cinese ha annunciato che la nuova bozza di risoluzione promossa dai 10 membri non permanenti del Consiglio, che sta ora circolando, è chiara sulla questione del cessate il fuoco, che considera una linea nella giusta direzione.
Dopo cinque mesi di conflitto, le cifre stimano che più di 32mila persone abbiano perso la vita a Gaza, mentre 74mila sono rimaste ferite e 12mila soffrono di disabilità permanenti a causa dell’offensiva israeliana.

Ig/ebr

 

ULTIME NOTIZIE
NOTIZIE RELAZIONATE