sabato 20 Aprile 2024
AGENZIA DI STAMPA LATINOAMERICANA
Search
Close this search box.

Deputato statunitense, che brutta metafora!

Anche se un membro del congresso statunitense ha cercato in seguito di ritrattare i commenti che presumibilmente consigliavano di sganciare bombe nucleari su Gaza, il suo commento rimane fuori luogo.

Tim Walberg, rappresentante repubblicano del Michigan, ha rilasciato una dichiarazione per cercare di modificare ciò che è diventato virale una settimana fa, quando è circolato un video in cui suggeriva di “porre fine rapidamente” alla guerra a Gaza come “Hiroshima e Nagasaki”, devastate in agosto del 1945 dalle bombe nucleari sganciate su queste due città giapponesi.

Il politico ha affermato che gli Stati Uniti “non dovrebbero spendere un centesimo in aiuti umanitari” nella guerra tra Israele contro il Movimento di Resistenza Islamica (Hamas) e che Gaza “dovrebbe essere come Nagasaki e Hiroshima. Fatela finita in fretta”, ma le sue parole erano semplicemente una metafora, ha detto in seguito.

“Da bambino cresciuto nell’era della Guerra Fredda, l’ultima cosa che avrei difeso sarebbe stato l’uso delle armi nucleari”, ha scritto il legislatore del Michigan, uno degli stati con la più alta concentrazione di popolazione arabo-statunitense.

Il suo pensiero è, come ha affermato, “trasmettere la necessità che sia Israele che Ucraina vincano le loro guerre il più rapidamente possibile, senza mettere in pericolo le truppe statunitensi”.

In nessun momento ha condannato i crimini di Israele, né ha menzionato la necessità di un cessate il fuoco permanente nella fascia costiera assediata.

Le bombe nucleari sganciate dagli Stati Uniti su Hiroshima e Nagasaki uccisero circa 230.000 persone, comprese quelle che persero la vita a causa del cancro nei cinque anni successivi. Ci sono ancora delle conseguenze, secondo gli storici.

Le moderne armi nucleari sono circa 80 volte più potenti di quelle degli anni ’40, avvertono gli studiosi.

I commenti “metaforici” di Walberg arrivano proprio mentre la situazione a Gaza peggiora. Secondo fonti sanitarie dell’enclave, più di 33.000 civili palestinesi sono stati uccisi dalle bombe e dai raid israeliani a Gaza, la maggior parte dei quali erano donne e bambini.

Nel frattempo, secondo l’ONU, il 70% dei residenti soffre di una crisi alimentare senza precedenti.

Recentemente, il portavoce del Dipartimento di Stato, Matthew Miller, ha ritenuto che l’amministrazione Biden non consideri l’offensiva di Israele contro la Striscia una violazione del diritto internazionale.

“Riteniamo che Israele non stia violando il diritto umanitario internazionale per quanto riguarda la condotta della guerra, né sta violando il diritto umanitario internazionale in relazione alla fornitura di assistenza umanitaria”, ha affermato cinicamente.

Deisy Francis Mexidor, corrispondente di Prensa Latina negli Stati Uniti

ULTIME NOTIZIE
NOTIZIE RELAZIONATE