martedì 28 Maggio 2024
AGENZIA DI STAMPA LATINOAMERICANA
Search
Close this search box.

ONU denuncia nuove imposizioni che impediscono l’accesso degli aiuti al nord di Gaza

Nazioni Unite, 24 apr (Prensa Latina) Le Nazioni Unite (ONU) hanno denunciato oggi nuove imposizioni da parte di Israele per l'ingresso di aiuti umanitari nel nord di Gaza, mentre in questa zona aumentano i bisogni dell'enclave costiera assediata.

I rapporti diffusi dell’Ufficio per il Coordinamento degli Affari Umanitari affermano che questo mercoledì le missioni non sono riuscite a raggiungere questa parte della Striscia dopo che l’esercito israeliano ha chiuso i suoi posti di blocco su due strade a causa dei movimenti delle truppe.
È estremamente difficile garantire un accesso sicuro e senza ostacoli ai movimenti umanitari nel nord di Gaza, ha insistito Farhan Haq, vice portavoce del segretario generale, António Guterres.
Fino ad oggi, le autorità di Tel Aviv hanno negato od impedito nel mese di aprile più di un terzo delle missioni di aiuto nel nord, ha aggiunto.
Da parte sua, l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha ritenuto estremamente difficile rifornire e sostenere gli ospedali che lavorano per rafforzare e ripristinare i servizi.
L’agenzia sanitaria ha denunciato attacchi all’ospedale Al Awda nel campo profughi di An Nuseirat, nel mezzo della Striscia, che hanno interrotto il sistema di energia solare della struttura ed hanno danneggiato i serbatoi dell’acqua e del carburante.
L’OMS ha documentato un totale di 890 attacchi all’assistenza sanitaria nei territori palestinesi occupati dal 7 ottobre; 443 di loro a Gaza.
Secondo tale entità, 32 dei 36 ospedali di Gaza sono stati danneggiati, mentre in Cisgiordania sono stati segnalati 446 attacchi al sistema sanitario.

Ig/ebr

#sistema sanitario #Gaza #israele #ONU #palestina #OMS #genocidio #aiuti umanitari

ULTIME NOTIZIE
NOTIZIE RELAZIONATE