giovedì 25 Luglio 2024
AGENZIA DI STAMPA LATINOAMERICANA
Search
Close this search box.

Agenzia delle Nazioni Unite ha denunciato l’omicidio di 193 dei suoi lavoratori a Gaza

Ramallah, 17 giu (Prensa Latina) L'agenzia delle Nazioni Unite incaricata di aiutare i palestinesi ha denunciato oggi che 193 suoi dipendenti sono stati assassinati a Gaza dall'inizio dell'aggressione israeliana, il 7 ottobre dello scorso anno.

Gaza è il luogo più pericoloso al mondo per gli operatori umanitari, ha sottolineato su Twitter, l’Agenzia delle Nazioni Unite per l’Opera Pubblica ed il Soccorso dei Rifugiati Palestinesi in Medio Oriente (UNRWA).
L’istituzione ha sottolineato che si tratta della cifra più alta nella storia delle Nazioni Unite.
“Nonostante ciò, i nostri colleghi continuano a lavorare per sostenere le famiglie e fornire aiuti nel mezzo della terribile crisi umanitaria”, ha affermato.
Sullo stesso social network, l’UNRWA stima che siano rimasti solo 65.000 palestinesi nella città meridionale di Rafah, epicentro di un’offensiva di terra israeliana dall’inizio del mese scorso.
Sei settimane fa erano circa 1,4 milioni, ha osservato l’organizzazione, che ha rinnovato l’appello per un cessate il fuoco immediato per far fronte alla crisi umanitaria nell’enclave costiera.
“Dall’inizio della guerra, le famiglie di Gaza sono state costrette a fuggire ancora e ancora di più”. “Continuano a cercare sicurezza dove non ce n’è”, ha lamentato.
Questo fine settimana, il commissario generale dell’UNRWA, Philippe Lazzarini, ha denunciato la situazione dei bambini nella Striscia dopo otto mesi di combattimenti.
I bambini soffrono per primi e soffrono di più nei conflitti e nelle guerre, a Gaza non è diverso, ha affermato sullo stesso social network.
“Troppe persone sono morte, troppe sono rimaste ferite e troppe rimarranno segnate per tutta la vita”, ha detto il funzionario, un forte critico delle operazioni militari israeliane nei territori occupati.

Ig/rob

 

ULTIME NOTIZIE
NOTIZIE RELAZIONATE