venerdì 12 Luglio 2024
AGENZIA DI STAMPA LATINOAMERICANA
Search
Close this search box.

I problemi nella mobilitazione delle risorse limitano la portata dell’Unicef a Cuba

L'Avana, 8 lug (Prensa Latina) La rappresentante presente del Fondo delle Nazioni Unite per l'Infanzia (Unicef), Alejandra Trossero, ha ritenuto che le difficoltà attuali nella mobilitazione delle risorse limitano la portata e l'impatto del lavoro di questa agenzia a Cuba.

A differenza di altri paesi, Cuba ha un piccolo gruppo di donatori a causa dei problemi che conosciamo e delle sanzioni che riceve.
Ci sono molte difficoltà nell’articolare le donazioni e la cooperazione, ha assicurato in dichiarazioni a Prensa Latina.
Queste circostanze, ha detto, “mettono il paese in una posizione di svantaggio, soprattutto per quanto riguarda il finanziamento allo sviluppo, perché ci sono grandi limitazioni all’ottenimento dei fondi specifici di cui ha bisogno”.
Nonostante ciò, è “molto soddisfatta dei risultati dell’Unicef nel paese nel 2023, “soprattutto perché mantiene rapporti di lavoro molto positivi” con agenzie ed istituzioni statali.
Abbiamo svolto, ha commentato, un intenso lavoro nell’area materno-infantile, ponendo l’accento sul “rafforzamento delle capacità degli operatori sanitari nella cura dei neonati con basso peso o altre complicazioni”.
Abbiamo ottenuto i servizi di neonatologia in 19 centri, portando le forniture necessarie per salvare vite umane, ed allo stesso tempo abbiamo formato quasi 5mila professionisti solo in quella zona, ha affermato Trossero, rappresentante dell’Unicef a Cuba dal gennaio del 2022.
“Portiamo diversi vaccini. Cuba ha una grande capacità di produrli, ma uno in particolare, per i bambini sotto un anno, non può essere prodotto.” ha spiegato.
Nel 2023, come riportato, “sono state rafforzate anche le catene del freddo per trasportare e proteggere i vaccini”, oltre a “incorporare ambulanze ad alte prestazioni per assistere le donne incinte in condizioni critiche, che consentiranno loro di raggiungere più di 30.000 donne incinte”. Tutto questo lavoro, ha sottolineato, è stato possibile grazie al coordinamento e agli sforzi congiunti con l’Organizzazione Panamericana della Sanità e il Programma Alimentare Mondiale, tra le altre agenzie.
“Voglio sottolineare il sostegno alla nutrizione delle donne incinte e dei neonati. Promuoviamo l’allattamento al seno come il miglior alimento e, con il Governo, lavoriamo per garantire la diversità alimentare della madre e garantire così una buona alimentazione al bambino”, ha concluso.

Ig/raj

# #

ULTIME NOTIZIE
NOTIZIE RELAZIONATE