Agenzia di stampa latinoamericana Prensa Latina - Cuba

La pandemia ha segnato un anno difficile per l'Assemblea Generale delle Nazioni Unite

Il presidente dell'Assemblea Generale delle Nazioni Unite, Volkan Bozkir, ha affermato oggi che questa 75° sessione dell'organizzazione è trascorsa in un anno difficile, segnato dalla pandemia della COVID-19, che ne ha cambiato le dinamiche.

A causa della crisi sanitaria, i metodi di lavoro del più grande organismo delle Nazioni Unite sono stati trasformati e le tecnologie digitali sono state utilizzate per sviluppare incontri ed eventi, ha ricordato il presidente in una conferenza stampa. L'ONU in generale non era preparata ad affrontare situazioni di emergenza come una pandemia ed è urgente creare ancora più alternative per mantenere la sua vitalità di fronte a qualsiasi interruzione, ha sottolineato il diplomatico turco. Sebbene la tecnologia abbia permesso di continuare a lavorare, l'interazione faccia a faccia è molto importante per la diplomazia ed è per questo che l'Assemblea ha tenuto incontri faccia a faccia, adottando tutte le misure precauzionali necessarie, ha affermato. Infatti, molti leader mondiali vogliono partecipare di persona al prossimo dibattito ad alto livello dell'Assemblea Generale alla sua 76° sessione, che si terrà a breve. A tal proposito, ha precisato che sarà possibile la loro presenza fisica in sala, anche se il numero di persone che accedono contemporaneamente alla plenaria sarà limitato. D'altra parte, Bozkir ha chiesto un maggiore potere dell'organismo che riunisce tutti gli Stati membri delle Nazioni Unite in condizioni di parità. Ha anche insistito sul fatto che il multilateralismo è l'opzione migliore per trovare soluzioni ai problemi mondiali, come la pandemia, ma nell'ultimo anno alcuni paesi hanno optato per azioni unilaterali. In tal senso, ha sottolineato che è urgente garantire un'equa distribuzione dei vaccini contro la COVID-19 in tutto il mondo per porre finalmente fine alla crisi sanitaria. Bozkir consegnerà la presidenza del più grande organismo delle Nazioni Unite al ministro degli Esteri delle Maldive, Abdulla Shahid, il 20 settembre. Una delle massime priorità del futuro capo dell'Assemblea generale nella sua 76° sessione sarà la ripresa dalla pandemia della COVID-19, come aveva assicurato dopo la sua elezione lo scorso giugno. L'anno precedente, il segmento di alto livello si è svolto per lo più virtualmente di fronte alle restrizioni imposte dalla pandemia della COVID-19 in tutto il mondo. L'edificio delle Nazioni Unite è stato riaperto lo scorso luglio, i limiti di occupazione giornalieri sono stati revocati e coloro che erano in telelavoro hanno potuto tornare nei loro uffici. Ma le massime autorità dell'organizzazione multilaterale hanno avvertito che questo panorama potrebbe cambiare a seconda della situazione sanitaria nel paese ospitante, gli Stati Uniti, e soprattutto a New York. Ibis Frade, giornalista di Prensa Latina