Agenzia di stampa latinoamericana Prensa Latina - Cuba

Mantengono le condanne per i poliziotti accusati di strage in una prigione brasiliana

Brasilia, 4 ago (Prensa Latina) Il giudice Luís Roberto Barroso, della Corte Suprema Federale (CSF) del Brasile, ha confermato oggi la condanna di 74 poliziotti coinvolti nella morte di 111 detenuti nel carcere di Carandirú, a San Paolo, nel 1992.

 
Gli agenti sono stati puniti per il cosiddetto massacro di Carandirú, con pene che vanno da 48 a 624 anni di reclusione.

Barroso ha respinto il ricorso straordinario presentato dagli avvocati dei poliziotti, che hanno impugnato una decisione della quinta camera della Corte Superiore di Giustizia (CSG).

Anche la Procura Generale, attraverso il parere del procuratore Luiz Augusto Santos Lima, ha espresso parere contrario al procedimento.

Nella sua decisione, Barroso ha respinto l'argomento della difesa secondo cui vi sarebbe stata una violazione dei principi di contraddittorio, ampia difesa e giusto processo.

Inoltre, il ministro ha precisato in una serie di punti che non vi è alcuna “ripercussione generale” per giustificare la risorsa.

Tale ripercussione è uno strumento processuale che consente alla Corte di Cassazione di selezionare quali risorse analizzerà, secondo criteri di rilevanza giuridica, politica, sociale o economica.

Il massacro di Carandirú è avvenuto il 2 ottobre 1992, quando una rissa ha scatenato un conflitto generalizzato in un padiglione del centro di detenzione a San Paolo.

Le forze di polizia hanno fatto irruzione nel luogo ed ucciso 111 prigionieri, ciascuno con una media di cinque colpi. Nessun agente è morto e, secondo le organizzazioni umanitarie, ai detenuti è stata applicata la cosiddetta legge della fuga.

Ig/ocs