Agenzia di stampa latinoamericana Prensa Latina - Inicio

La violenza di genere continua facendo strage in Argentina

Buenos Aires, 9 gen (Prensa Latina) La violenza di genere ed i femminicidi, un fenomeno che colpisce forte in Argentina, lanciò negli ultimi 100 giorni 133 assassinati. 

 
L'avvocato Julio Torrada, dell'istituto Wanda Taddei, ha affermato alla pubblicazione Diario Popular che “uno dei maggiori problemi è che ci sono molti di una certa classe politica ed alcuni funzionari che fanno turismo con la violenza di genere”. 
 
Né le manifestazioni di massa, né le denunce, né le campagne. Il fenomeno degli assassini di donne continua nel paese e le cifre sono realmente preoccupanti. Torrada ha detto che “c'è una reazione maschilista, con maggiore ferocia e violenza estrema, che si può osservare chiaramente nella quantità di femminicidi commessi da ottobre, con un deplorevole record di un femminicidio ogni 18 ore. 
 
Dobbiamo smettere di girarci da un’altra parte, poiché ci sono donne che perdono la paura, escono dal loro isolamento e riescono a chiedere aiuto, ma dallo Stato non stanno offrendo gli strumenti di protezione necessari e, bisogna denunciarlo, le stanno uccidendo”, ha riflettuto. 
 
Lo specialista risaltò la necessità di un piano integrale di abbordaggio e manifestò che nell'Istituto Wanda Taddei come in altri, esistono casi di donne che denunciano, interpellano chi le ha colpite, e sono minacciate dagli individui con ogni impunità proprio per chiedere aiuto. 
 
Segnalò che da quell'istituzione si lavora fortemente su due fronti, l'abilitazione di persone affinché si trasformino in accompagnatori delle vittime nei loro territori e l'aiuto a donne che abitano in zone rurali, ha riportato Diario Popolar. 
 
Torrada spiegò che nel 2016, solo in provincia di Buenos Aires, si realizzarono circa 420 denunce al giorno di donne violentate che riuscirono a rompere il muro del silenzio. 
 
L'Argentina attraversò nell'anno che si è appena concluso, una delle tappe di maggiore violenza contro le donne con più di 235 vittime mortali, senza contare le denunce per maltrattamento ed aggressioni. Qui si conta un assassinio di questo tipo ogni 30 ore. 
 
Ig/may