Articles

Venezuela affronta un'aggressione economica brutale da parte degli USA

Nazioni Unite, 25 apr (Prensa Latina) Il cancelliere del Venezuela, Jorge Arreaza, ha assicurato oggi all’ONU che esiste un'aggressione economica e finanziaria brutale contro Venezuela, spinta dagli Stati Uniti con le loro sanzioni e blocchi al paese. 

 
Washington esercita da tempo pressione sul settore finanziario e sulle banche private affinché respingano di lavorare col Venezuela, che sia per comprare medicine o cibo, ha denunciato in una conferenza stampa nelle Nazioni Unite. 
 
Tali misure provocano solo sofferenza al popolo venezuelano, e le persone possono morire perché non si compra una medicina o non arriva in tempo, ha sentenziato. 
 
Questo blocco finanziario, economico e commerciale va diretto al cuore del modello socialista venezuelano per dimostrare che è fallito, per restringere le entrate nazionali e la capacità di importare prodotti necessari, ha spiegato. 
 
Milioni di dollari ed euro che appartengono al Venezuela sono stati bloccati, non fanno i pagamenti né restituiscono il denaro, sono fondi del mio paese e sono stati rubati, ha denunciato. 
 
Numerosi banche hanno chiuso i conti della maggioranza delle istituzioni venezuelane perché gli ordini esecutivi degli Stati Uniti proibiscono transazioni finanziarie con entità e banche della nazione bolivariana, ha aggiunto. 
 
Ma il Consiglio di Sicurezza non ha preso nessuna decisione di sanzionare Venezuela, ha ricordato Arreaza. 
 
In questo momento in cui l'unilateralismo tratta di confinare ed assediare le nazioni, il Movimento dei Paesi Non Allineati (Mnoal) -a partire da una proposta della presidenza del Venezuela – ha proposto di celebrare un data dedicata al multilateralismo ed alla pace, ha sottolineato. 
 
Precisamente, ha detto, queste sono le aspirazioni del Venezuela, un mondo di pace dove si rispettino le regole internazionali, mentre gli Stati Uniti vogliono impiantare una dittatura unilaterale, promuovere guerre diplomatiche, economiche, finanziano la violenza, i golpe di Stato e gli omicidi dei capi di stato, ha risaltato. 
 
In questo senso, ha avvisato che Washington vuole ottenere che si ritirino le credenziali ai diplomatici venezuelani all’ONU, ma è rimasta chiara la posizione di rifiuto della maggioranza degli Stati membri delle Nazioni Unite. 

Arreaza ha partecipato ieri all'evento di alto livello dell'Assemblea Generale per il Giorno Internazionale del Multilateralismo e della Diplomazia per la Pace, ed ha anche avuti incontri col segretario generale dell'ONU, Antonio Guterres, ed il cancelliere iraniano, Mohammed Yavad Zarif.
 
Ig/ifb