Agenzia di stampa latinoamericana Prensa Latina - Inicio

Cuba tra i firmatari del trattato che vieta le armi nucleari

È entrato in vigore da pochi giorni il trattato sulla proibizione delle armi nucleari e Cuba è tra i primi stati firmatari, dei 51 che l'hanno già ratificato.

L'isola caraibica ha firmato il trattato il 29 settembre 2017, giorno in cui è stato aperto alla firma presso la sede delle Nazioni Unite a New York.

Cuba è stato anche il quinto Paese a ratificarlo, il 30 gennaio 2018, segno del suo impegno per il disarmo generale e completo.

Alla fine del 18 gennaio, il trattato contava con 51 Stati parti, di cui 21 dell'America Latina e dei Caraibi.

Sono Antigua e Barbuda, Belize, Bolivia, Costa Rica, Cuba, Dominica, Ecuador, Salvador, Guyana, Honduras, Giamaica, Messico, Nicaragua, Panama, Paraguay, Saint Kitts e Nevis, Santa Lucia, Saint Vincent e Grenadine, Trinidad e Tobago, Uruguay e Venezuela.

Il continente latinoamericano è all'avanguardia storica nell'impegno per il disarmo nucleare.

Ciò è dimostrato dall'adozione del trattato per la proibizione delle armi nucleari in America Latina e nei Caraibi, meglio noto come Trattato di Tlatelolco, che stabilisce che la regione era la prima al mondo, densamente popolata, che si dichiarava Zona Libera di Armi Nucleari.

Viene inoltre ribadito anche con dichiarazioni speciali della Comunità degli Stati Latinoamericani e Caraibici (Celac).

Il 7 luglio 2017, l'Assemblea Generale delle Nazioni Unite ha adottato il primo trattato sulla proibizione delle armi nucleari.

Durante i negoziati è stata superata l'opposizione dei paesi che hanno arsenali nucleari e altri "protetti" dall'ombrello atomico, che non hanno partecipato ai negoziati.

Il trattato vieta lo sviluppo, la sperimentazione, la produzione, la fabbricazione e altre forme di accesso alle armi nucleari, il trasferimento o la ricezione e lo stazionamento; non sono ammessi aiuti o incentivi.

È il primo strumento che qualifica l'uso di armi nucleari come una minaccia per l'umanità e un atto contrario al diritto internazionale e al diritto internazionale umanitario.

L'accordo apre le porte ai detentori di armi nucleari per unirsi e distruggere i loro arsenali.

Inoltre introduce nuovi argomenti correlati come l'assistenza alle vittime, il ripristino ambientale e le questioni di genere nel disarmo nucleare.

Tutti questi scopi hanno avuto Cuba come un promotore attivo.

Su iniziativa de L'Avana, e con il sostegno del Movimento dei Paesi Non Allineati, l'Assemblea Generale delle Nazioni Unite si è svolto in settembre del 2013 una Riunione di Alto Livello sul Disarmo Nucleare, la prima del suo genere dedicata alla questione nella storia dell'ONU.

Cuba, secondo la Costituzione promulgata il 24 febbraio 2019, "promuove il disarmo generale e completo e rifiuta l'esistenza, la proliferazione o l'uso di armi nucleari, di sterminio di massa o altre con effetti simili, nonché lo sviluppo e l'uso di nuove armi e nuovi modi di fare la guerra, come la guerra informatica, che violano il diritto internazionale".

In un discorso pronunciato durante la chiusura dell'XI Festival Mondiale della Gioventù e degli Studenti, a L'Avana, il 5 agosto 1978, l'allora presidente cubano, Fidel Castro, riaffermò la posizione del suo Paese sulla necessità del disarmo nucleare:

“Il rumore delle armi, il linguaggio minaccioso e l'arroganza sulla scena internazionale devono cessare. Basta con l'illusione che i problemi del mondo possano essere risolti con armi nucleari. Le bombe possono uccidere gli affamati, i malati, gli ignoranti, ma non possono uccidere la fame, la malattia, l'ignoranza".

E il leader storico della rivoluzione cubana ha concluso: "In una guerra nucleare il danno collaterale sarebbe la vita dell'umanità".

 

Orlando Oramas Leon, giornalista di Prensa Latina