Agenzia di stampa latinoamericana Prensa Latina - Cuba

Díaz-Canel considera criminale il bloqueo degli Stati Uniti contro Cuba

L'Avana, 19 apr (Prensa Latina) Il bloqueo degli Stati Uniti contro Cuba è un crimine contro l'umanità, ha ribadito oggi il presidente Miguel Díaz-Canel, ora in qualità di primo segretario del Partito Comunista di Cuba (PCC).

Il massimo leader cubano ha chiuso l'VIII Congresso dell'organizzazione del partito, che ha descritto come una pietra miliare nella continuità storica della Rivoluzione Cubana.

Nell'occasione ha affermato che l'assedio economico, commerciale e finanziario che Washington ha esercitato contro il piccolo vicino da quasi 60 anni si è aggravato nelle circostanze della pandemia della COVID-19.

Ha sottolineato che il suo scopo è distruggere il sostegno del popolo cubano al suo governo e tentare di farlo arrendere per fame e necessità, dal momento che rappresenta il principale ostacolo allo sviluppo del suo paese.

Díaz-Canel ha messo in dubbio le dichiarazioni dei portavoce del governo degli Stati Uniti in merito alla minimizzazione degli effetti del bloqueo e afferma che le politiche nei confronti di Cuba non sono una priorità per la presidenza di Joe Biden.

Ha ricordato che rimangono in vigore le oltre 200 misure coercitive imposte durante il mandato dell'ex presidente Donald Trump e la sua decisione di includere l'isola delle Antille nell'elenco unilaterale dei paesi che sponsorizzano il terrorismo.

Siamo una vittima del terrorismo finanziato, organizzato e giustiziato nella maggior parte dei casi dagli Stati Uniti, ha sottolineato.

Il leader cubano ha denunciato i piani di sovversione promossi dalle agenzie governative statunitensi per calunniare la Rivoluzione, confondere la gente ed esacerbare le contraddizioni interne.

Ha osservato che sono progettati per sfruttare le carenze causate nella cittadinanza dalla politica di assedio e dalla crisi dovuta alla COVID-19.

Se Cuba non è una priorità per la Casa Bianca, perché sta dedicando centinaia di milioni per cercare di sovvertire il suo ordine costituzionale, ha detto il primo segretario del PCC.

Ha criticato l'esistenza di leggi statunitensi come Torricelli e Helms-Burton che cercano di controllare il destino di Cuba e condizionare i suoi rapporti con il mondo.

"Cosa giustifica il bloqueo da quasi 60 anni e la guerra economica ?", si è chiesto di nuovo.

Ha poi affermato che l'aspirazione di Cuba è vivere in pace e "relazionarsi con il nostro vicino del nord" in uguaglianza, rispetto reciproco e senza interferenze.

Ha espresso che L'Avana è persino disposta a cooperare su questioni a cui Washington afferma di dare la priorità, come affrontare il cambiamento climatico, la COVID-19, nonché su questioni relative alla migrazione e ai diritti umani.

Ig/ool