Agenzia di stampa latinoamericana Prensa Latina - Cuba

Xiaomi ha cercato di prevenire il contrabbando internazionale con il blocco dei dispositivi mobili

Pechino, 13 set (Prensa Latina) Il produttore cinese di smartphone Xiaomi ha bloccato temporaneamente alcuni cellulari in paesi come Cuba, Sudan, Corea del Nord, Iran, Repubblica Autonoma Russa di Crimea e Siria per prevenire e indagare sul possibile contrabbando delle loro apparecchiature, secondo quanto riportato oggi dalla stampa locale.

Secondo il quotidiano Global Times, un portavoce della società ha spiegato che questa misura mirava a prevenire danni alla "sicurezza delle informazioni e ai diritti dei consumatori", ma non mirava a "nessun mercato specifico".

"L'indagine ha prodotto risultati significativi e i dispositivi interessati possono essere sbloccati ora", ha aggiunto il rappresentante dell'azienda, creata nel 2010 e con una crescita esponenziale all'interno e all'esterno della Cina negli ultimi mesi.

Giorni fa, la preoccupazione è stata generata dal blocco degli smartphone Xiaomi nelle mani di molti proprietari residenti in nazioni come Cuba, Iran, Siria, Repubblica Popolare Democratica di Corea, Sudan e Repubblica Autonoma Russa di Crimea.

L'azienda cinese non ha una presenza ufficiale in nessuno di loro e alcuni media hanno addirittura collegato l'evento all'extraterritorialità delle sanzioni statunitensi imposte a quei territori.

Xiaomi nasce a Pechino sotto il comando dell'imprenditore Lei Jun e con la premessa di offrire tecnologia all'avanguardia, qualità più un prezzo accessibile alla maggior parte delle tasche.

La sua continua evoluzione l'ha posizionata all'avanguardia del mercato domestico e quest'anno l'ha portata a soppiantare - per la prima volta e in termini di vendite - l'americana Apple al secondo posto nel pianeta tra i principali produttori di smartphone.

 

Ig/ym