Agenzia di stampa latinoamericana Prensa Latina - Cuba

Indignazione in Cile per la morte di un’attivista durante una manifestazione del popolo Mapuche

Santiago del Cile, 11 ott (Prensa Latina) I leader politici e sociali cileni hanno espresso oggi la loro indignazione per la morte di un’attivista durante una manifestazione del popolo Mapuche nella capitale e hanno esatto di indagare sulle circostanze in cui si sono verificati i fatti.

L'appartenente dell'Ufficio del Difensore Popolare e studentessa di giurisprudenza all'università, Denisse Cortés, di 43 anni, ha lavorato come osservatrice durante la marcia delle popolazioni indigene convocata ieri nel centro di questa città.

La polizia cilena ha represso i manifestanti con carri d'acqua e bombole di gas lacrimogeni e loro hanno risposto con pietre e bastoni, in scontri che hanno provocato un morto, una ventina di feriti e 12 arresti.

"Profondo dolore e indignazione per la morte della studentessa di legge Denisse Cortés", ha scritto il candidato presidenziale di sinistra Gabriel Boric sul suo account Twitter.

Il rappresentante dell'alleanza “Apruebo Dignidad” ha chiesto "di indagare a fondo sulle responsabilità individuali e istituzionali che sono coinvolte".

Le versioni del caso sono contraddittorie: i carabinieri hanno affermato che la donna è stata colpita dai fuochi d'artificio lanciati dai manifestanti, mentre i partecipanti alla manifestazione hanno indicato che è stata colpita al collo da un candelotto lacrimogeno sparato dai soldati.

La madre dell'attivista deceduta, Teo Saavedra, ha espresso la speranza che le leggi cambino e che la nuova costituzione apra il cammino per evitare altre famiglie distrutte.

"Non possono sopraffarci, non possono calpestarci sotto nessun punto di vista, né il popolo Mapuche che soffre al sud, né noi qui a Santiago, né il popolo del nord", ha detto.

La manifestazione del popolo Mapuche si è svolta nel contesto della commemorazione del 12 ottobre, Giornata della Resistenza Indigena.

Ig/car