Agenzia di stampa latinoamericana Prensa Latina - Cuba

Economia cubana difronte alla sfida dell'inflazione

Il complesso scenario dell'economia cubana ha oggi una sfida enorme nei processi inflazionistici, in particolare per il loro impatto negativo sulla popolazione e per le ripercussioni sul panorama sociale.

 

Definito una delle priorità dal Vice Primo Ministro e Ministro dell'Economia e della Pianificazione, Alejandro Gil, il confronto con questo fenomeno, che rende più costosa la vita dei cubani, è legato anche all'assistenza alle persone vulnerabili, un'altra delle questioni classificate importanti dalla direzione del paese.

 

È una questione complessa che non ha un'unica soluzione, ha insistito Gil in una conferenza stampa questo giovedì, aggiungendo che sono allo studio tutte le possibili alternative che non hanno un taglio neoliberista, a cui contribuiscono studiosi di economia e del mondo accademico.

 

Tuttavia, ha sottolineato che senza aumentare l'offerta non è possibile aspirare ad un efficace controllo dei processi inflazionistici, cosa che nel contesto cubano, con la piaga della COVID-19, del bloqueo economico e delle oltre 240 misure unilaterali degli Stati Uniti che affogano la nazione caraibica, la sfida è immensa.

 

Nonostante ciò, l'isola sta attualmente attraversando un graduale processo di ripresa economica e aspira a concludere l'anno con una crescita del prodotto interno lordo (PIL) di circa il 2%, ha affermato lo stesso Gil.

 

Ha avvertito, però, che ci vorrà tempo per tornare ai livelli di attività del 2019, poiché si tratta di superare la contrazione del 10,9% sperimentata nel 2020.

 

L'inflazione è, per la popolazione, il volto più visibile di questa caduta, che deve pagare nel mercato illegale fino a sette volte il valore dei beni di prima necessità come il cibo, a causa dell'offerta insufficiente nel mercato formale.

 

A ciò si aggiunge l'impatto del processo di riordino monetario iniziato il 1° gennaio 2021, che ha comportato la svalutazione del peso cubano rispetto al dollaro (1 su 24), l'aumento dei prezzi e del potere d'acquisto, nonostante l’aumento dei salari e delle pensioni .

 

Tutto ciò significa che per il momento le autorità economiche non possono specificare l'ammontare dell'inflazione.

 

Gil ha spiegato che sebbene sia possibile confrontare i prezzi ufficiali del 2021 con quelli del 2020, questo calcolo dimostrerebbe solo una parte della realtà, che include l'impatto della svalutazione della moneta, ma non si può nascondere che molte persone non acquistano i prodotti nel mercato stabilito, ma in quello illegale.

 

"Non c'è dubbio che l'inflazione è forte", ha detto il ministro dell'Economia, ma ha affermato che è obiettivo della politica del paese affrontarla senza ricorrere a soluzioni neoliberiste.

 

Riguardo alle modalità per farlo, ha citato l'eliminazione dei dazi sulle importazioni di generi alimentari e medicinali, nonché per le forniture portate dall'estero da gestioni non statali; un sacrificio fiscale che cerca di evitare il trasferimento di questi costi sui prezzi finali.

 

"Finché ci sarà carenza di offerta e ci saranno persone che si dedicano alla rivendita, se c'è una domanda con la capacità di acquisire questi prodotti ai prezzi che hanno oggi sul mercato, i processi inflazionistici continueranno", ha affermato.

 

Su questo fenomeno incide anche il valore delle valute nell'economia sommersa, poiché il loro possesso implica l'accesso a prodotti in valuta liberamente convertibile; tuttavia, ha spiegato Gil, il paese non è in grado di venderli e combattere il loro scambio illegale.

 

Karina Marron Gonzalez, giornalista di Prensa Latina