Agenzia di stampa latinoamericana Prensa Latina - Cuba

Fidel in Russia dopo la crisi di ottobre

Il 59° anniversario dell'inizio della cosiddetta Crisi d'Ottobre porta al presente un'intervista concessa a Prensa Latina nel 2013, a Mosca, da Nikolai Leonov, autore insieme a Vladimir Vorodáev della biografia politica in russo dello storico leader della Rivoluzione cubana, Fidel Castro.

Da una poltrona in legno duro e sedile in pelle nel soggiorno di casa sua, nel centro della capitale russa, brillano gli occhi azzurri del tenente generale (in pensione) dei servizi segreti sovietici mezzo secolo dopo come quel 27 aprile 1963, quando l'autore di La storia mi assolverà è arrivato per la prima volta in Unione Sovietica.

Prima di iniziare la conversazione, con il sorriso schietto che dedica sempre “ai miei amici cubani”, l'intervistato, anche autore della prima biografia sull’ex presidente Raúl Castro, ha toccato entrambi i braccioli della sedia in legno duro e del sedile in pelle ed ha espresso un ringraziamento speciale.



“È il tesoro principale di questa casa”. “Me l'ha regalato Fidel e per me niente vale tanto”, ha confessato.

Più tardi, con lo spagnolo fluente sviluppato in lunghi anni di servizio nelle terre latinoamericane, e quasi all'età di 85 anni, Leonov sembrava guardare l'uomo alto barbuto, vestito di verde oliva, che dopo 12 ore di volo iniziò a scendere a Murmansk dall’aereo Tu-114 di fabbricazione sovietica.

"La prima visita del comandante in capo Fidel Castro in Russia ha un grande interesse internazionale e storico anche adesso, perché né prima né dopo, l'Unione Sovietica o il mio Paese, indipendentemente dal nome che porta, hanno ricevuto un ospite con tanti onori", ricordava l’allora traduttore.

L'ufficiale in pensione ha assicurato che "non c'è stata una visita di statista che sia durata così a lungo, perché è durata più di 40 giorni, durante i quali Fidel ha percorso quasi tutto il Paese, dalla Siberia all'Ucraina, dal nord di Murmansk alla Georgia e all'Uzbekistan".

L'autore di diversi libri sugli eroi latinoamericani ha sottolineato che nessun altro statista ha avuto l'opportunità di fare una visita così grande, profonda e importante per le sue conseguenze.

"Da parte dell'Unione Sovietica, il cui capo era Nikita Krusciov, il desiderio storico fondamentale era, come abbiamo detto, quello di guarire le ferite rimaste nella pelle sovietica dopo l'esito della crisi caraibica del 1962", ha spiegato l’anche storico russo.

Ha aggiunto che "Krusciov ha risolto le cose direttamente con gli Stati Uniti, senza consultare Fidel, e, naturalmente, quell'azione ha lasciato un segno molto doloroso nella coscienza di molti cubani in quel momento e anche nel cuore di Fidel".

Leonov pensa che Krusciov volesse che tutti questi graffi e ferite fossero dimenticati, ed è per questo che ha aperto tutte le porte possibili e impossibili, e inaccessibili ad altri statisti dell'Occidente o dell'Oriente per soddisfare Fidel.

"Non solo ha visto i sottomarini nucleari sovietici di quel tempo, ma è entrato in uno per vedere come funzionava", ha continuato il testimone, "come era organizzato, voleva persino vedere un razzo installato nel sottomarino".

Ha sottolineato che "ha visitato una base missilistica intercontinentale, immagazzinata in silo strategici, e nessuno statista aveva avuto accesso a questo tipo di base missilistica".

"Per i suoi meriti rivoluzionari, Fidel è stato insignito della Medaglia d'Oro e dell'Ordine di Lenin, che significava il grado di Eroe dell'Unione Sovietica, un onore raramente conferito a uno straniero", ha detto colui che ha accompagnato il visitatore durante tutto il tour.

L'alto funzionario ha ricordato che lo statista cubano è stato insignito del titolo di dottore honoris causa dell'Università Lomonosov di Mosca, per i suoi contributi alle scienze politiche.

"Tuttavia, la cosa più importante per Fidel era conoscere l'Unione Sovietica dall'interno, capire dove si trovavano le radici del socialismo, perché lo stato multinazionale è diventato così potente", ha detto.

Secondo Leonov, il leader cubano ha trovato la risposta nella gente.

“Il modo di accogliere Fidel non ha altri paralleli, senza alcun tipo di pressione o appello alla radio o alla televisione, la gente scese spontaneamente in piazza ad applaudirlo, come si vede nelle fotografie dell'epoca, che la gente a volte rischiava anche la vita, sono saliti sugli alberi, sui balconi, sulle finestre per vedere l'eroe cubano. Qualcosa di incredibile”, ha ricordato.

Leonov ha stimato la lunghezza della fila di persone, che sono scese in strada per ricevere lo stratega dalla Sierra Maestra, in 25 chilometri.

"Ovunque fosse Fidel, la gente lo ha accolto con un entusiasmo e una simpatia che non ho mai visto in questi 50 anni, non ho visto uno statista che abbia ricevuto tante espressioni di affetto, simpatia, solidarietà", ha detto l'eccezionale testimone.

Nello spiegare la generale simpatia e popolarità del leader cubano tra i sovietici di allora e i russi di oggi, Leonov ha ritenuto che ciò fosse dovuto al suo prestigio di rivoluzionario leggendario.


Jorge Petinaud Martinez, giornalista di Prensa Latina