Agenzia di stampa latinoamericana Prensa Latina - Cuba

Oxfam chiude dopo 30 anni il programma a Cuba basato sullo sviluppo

L'organizzazione non governativa Oxfam chiude il suo programma a Cuba dopo quasi 30 anni di lavoro con 127 istituzioni nazionali, basato sullo sviluppo resiliente a livello locale, hanno riferito i suoi direttori in questa capitale.

La partenza è dovuta a una revisione globale del suo modello in corso da due anni, che è stata accelerata dall'impatto sulle finanze e dalle difficoltà nella raccolta fondi in molti paesi a causa della pandemia della COVID-19, ha spiegato Elena Gentili, rappresentante Oxfam sull'isola.

Una squadra subordinata alla rappresentanza in Canada rimarrà nel paese due anni per vigilare sugli impegni presi prima della decisione di ritirarsi, ha aggiunto.

Tra le attività organizzate per la chiusura, il 24 e 25 marzo, si terrà una giornata di riunioni tra protagonisti e testimoni della storia di Oxfam a Cuba, in cui verrà presentato il rapporto "Il valore della cooperazione: semi che germinano".

Il programma pianificato esaminerà gli approcci, le metodologie, le strategie e le pratiche pertinenti della sua cooperazione nel paese, che sarà disponibile su una nuova piattaforma virtuale chiamata Cuba resiliente.

Durante i suoi tre decenni di lavoro nel paese caraibico, l'organizzazione ha accompagnato la progettazione e l'attuazione di politiche pubbliche come la Strategia di Genere del Sistema Agricolo, il Programma Nazionale per la Promozione delle Donne, la Tarea Vita, tra gli altri.

Inoltre, ha lavorato a progetti relativi alla prevenzione e cura della violenza contro le donne e al femminismo come concezione per affrontare il lavoro di cura e la corresponsabilità.

Alla conferenza stampa tenutasi mercoledì, Georgina Alfonso, direttrice dell'Istituto di Filosofia, e Joel Suárez, coordinatore generale del Martin Luther King Center, hanno condiviso il lavoro congiunto svolto con questa confederazione.

"Lasciare la presenza in un paese non significa che non sia possibile continuare a collaborare e sostenere le organizzazioni della società civile, sia a livello nazionale che locale", ha poi precisato Elena Gentili.

“Continueremo a realizzare progetti dedicati allo sviluppo agro-ecologico, alla resilienza in quell'ambiente, al rafforzamento delle cooperative e ad altre questioni legate alla sovranità alimentare”.

Gentili ha evidenziato che i risultati delle azioni svolte da Oxfam in questo campo, insieme alle organizzazioni cubane, hanno contribuito alla costruzione del Piano Nazionale per la Sovranità Alimentare e l'Educazione Alimentare e del disegno di legge allo studio.

"Sosterremo i processi legati all'agro-ecologia, non solo come risposta agli impatti dei cambiamenti climatici, ma anche come opportunità di sostenibilità a livello sociale", ha affermato.

Inoltre, promuoveranno il rafforzamento delle capacità delle donne rurali di colmare i divari di genere e promuovere la loro leadership in agricoltura.

Negli ultimi 10 anni, il programma Oxfam a Cuba ha contribuito allo sviluppo sostenibile di 86 comuni cubani, con progetti o azioni specifici sulla leadership trasformativa delle donne (20), adattamento ai cambiamenti climatici e agro-ecologia (17), gestione inclusiva del rischio di catastrofi (21) e governance per lo sviluppo locale (18).

Ania Terrero Trinquete, giornalista di Prensa Latina