Articles

Voci amiche si alzano in solidarietà con Cuba

L'Avana, 4 ott (Prensa Latina) Il presidente della Casa de las Américas di Cuba, Abel Prieto, ha condiviso i sentimenti del poeta colombiano Fernando Rendón, in solidarietà con l'isola caraibica di fronte alle difficoltà che sta attraversando oggi e che deve affrontare dei suoi detrattori.

 

“Cuba sconfiggerà i suoi nemici oggi, domani e sempre e supererà tutte le avversità. Tutta la solidarietà del Movimento Mondiale di Poesia con Cuba e il suo popolo”, ha affermato lo scrittore latinoamericano, secondo il messaggio pubblicato su Twitter dall'intellettuale cubano.

Prieto ha spiegato che la lettera di Rendón risponde alla dichiarazione pubblicata dall'istituzione da lui diretta il 2 ottobre, in cui ha avallato la vitalità del processo socialista di fronte agli attacchi ed alle manipolazioni.

Il testo intitolato “Ante la Cuba virtual, la Cuba real”, ha risposto ai messaggi ricevuti con domande sugli ultimi eventi del paese di fronte alle notizie persistenti e cupe pubblicate sui media e sui social network.

Il "popolo" e il "governo" sono davvero uno di fronte all'altro? Cuba è uno 'Stato fallito' incapace di risolvere una crisi? Sono alcune delle domande a cui risponde il documento.

A questo proposito, Casa de las Américas ha risposto che il cosiddetto Stato 'fallito' ha coraggiosamente indetto, solo una settimana fa, un referendum sull'avanzatissimo Codice delle Famiglie, che è stato sostenuto dalla maggioranza del popolo cubano e poche ore dopo è diventato legge.

Ha ricordato che questo progetto inclusivo, nato dalla partecipazione popolare, è dovuto passare attraverso una feroce campagna di demonizzazione da presunti precetti morali e religiosi.

Ha avvertito che non sono mancate nemmeno le manipolazioni apertamente politiche. Tuttavia, nulla di tutto ciò ha impedito il trionfo del sì, riflesso in modo pallido e riduzionista nella stampa egemonica.

Il comunicato ricorda che una settimana fa l'uragano Ian ha colpito la regione occidentale di Cuba. "È doloroso e difficile, per qualsiasi paese che soffre di una tale contingenza, rimettersi in piedi, mitigare la sofferenza delle persone colpite, cercare di riprendersi dai danni e andare avanti", ha concluso.

 

Ig/mml